L’incastellamento longobardo nasce all’inizio dell’ottocento per rendere meno vulnerabile i territori dagli attacchi e le incursioni dei saraceni che imperversavano su tutto il territorio. Nel 1042 il Molise viene conquistato dai normanni che occupano vari territori della Conte di Molise. Con l’evento degli angioini nascono nuove tecniche di difesa , così vengono modificate e fortificate le cinte urbane e ristrutturati i castelli, con la costruzione delle torri circolari e le mura a scarpa. Con il passaggio dagli angioini a l’era borbonica nascono  le armi da fuoco che  costringono i signori dei castelli a trovare nuove tecniche di difesa.  Le difese dei castelli così come costruite non reggono più gli urti dei cannoneggiamenti, pertanto è necessario un nuovo sistema di difesa. Per evitare che con i  cannoneggiamenti le torri potessero cadere e arrecare danni ai difensori,   le torri vengono dimezzate e costruite delle bocche di fuoco. Le lotte tra gli aragonesi e gli angioini si fanno sempre più aspre e irruenti fino all’inizio del cinquecento e i castelli vengono sempre più modificati e adattati alle nuove tecniche di difesa.  Con l’inizio del cinquecento finisce l’era bellica e parte dei castelli vengono trasformati dai signori in palazzi per abitazioni signorile.

Tra i tanti castelli costruiti nei secoli vi proponiamo dodici castelli medievali che hanno fato la storia di questa piccola regione e che  pur avendo subito negli anni diverse ristrutturazioni e ampliamenti hanno mantenuto in tatto le loro origini e le loro basi.

Il castello di Torella del Sannio nasce intorno all’anno mille sul colle Ciglione, al centro dell’attuale borgo, con una parte che si affaccia sulla...

Il castello di Macchiagodena è situato sulla parte più alta del comune dove sono ben visibili le torri a difesa del lato più accessibile,...

Il castello di Gambatesa  e posizionato sul colle Serrone zona del centro storico  con una struttura di forma quadrata  e con le due torri...

Il castello di Castropignano o castello d’Evoli ha una particolarità  rispetto a tanti altri castelli molisani, fu costruito non alla sommità del borgo ma...

Palazzi Baronali  - Comuni Molise Regione Molise 1 Belmonte del Sannio Palazzo baronale dei Caracciolo del XIV sec. Proprietari fino all’abolizione della feudalità. 2...

Il castello di Monteroduni è situato sulla parte più alta del borgo da dove è possibile vedere tutta la piana del Volturno che parte...

Il castello di Macchiagodena è situato sulla parte più alta del comune dove sono ben visibili le torri a difesa del lato più accessibile,...

Borgo nativo  di Vincenzo Cuoco e Gabriele Pepe - Molise Il castello di Civitacampomarano  viene chiamato anche castello di transizioni, perché rispetto alla sua...

Il castello di Acquaviva d’Isernia fu edificato a guardia del fiume Rio che  nasce  a  Rionero Sannitico e attraversa buona parte del territorio di...

Il castello Monforte di Campobasso prende il nome dal suo restauratore, Nicolò II Monforte, eseguiti dopo i danni del terremoto del 1456. Il castello...

Il castello di Tufara fu costruito su uno sperone  roccioso ed è a forma quasi rettangolare con una cortina muraria fatta a scarpa su...

Il comune di Carpinone si presume che abbia le sue origini da una pianta , il carpino, ed è situato su una collina a...

Il castello di Cerro al Volturno nasce con certezza nel 989 su precisa richiesta dell’abate di San Vincenzo. Pur avendo avuto numerose trasformazioni nel...

Il castello è situato al centro del paese da dove è possibile dominare tutta la valle circostante il territorio che comprende la città di...

Il Castello sorge al centro del paese a pianta esagonale con una torre maestra del 573 costruita su un colle da dove è possibile...

Il castello risale al periodo Longobardo, costruito intorno alla metà del secolo X ,periodo in cui ci furono le autorizzazioni all’incastellamento delle terre e...

Il castello costruito intono al XIII secolo al centro del borgo per difendere il territorio sia dalla parte del mare sia dalla parte della...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *